Subversion Server on CentOS 5

twitterlinkedin

La seguente guida è una sintesi del documento originale consultabile al link http://wiki.centos.org/HowTos/Subversion

yum install mod_dav_svn subversion
cd /etc/httpd/conf.d/
nano subversion.conf

# Make sure you uncomment the following if they are commented out
LoadModule dav_svn_module     modules/mod_dav_svn.so
LoadModule authz_svn_module   modules/mod_authz_svn.so

# Add the following to allow a basic authentication and point Apache to where the actual
# repository resides.
<Location /repos>
        DAV svn
        SVNPath /var/www/svn/repos
        AuthType Basic
        AuthName “Subversion repos”
        AuthUserFile /etc/svn-auth-conf
        Require valid-user
</Location>

htpasswd -cm /etc/svn-auth-conf yourusername
htpasswd -m /etc/svn-auth-conf anotherusername
cd /var/www/
mkdir svn
cd svn
svnadmin create repos
chown -R apache:apache repos
/etc/init.d/httpd restart

twitterlinkedin

CentOS 5.5 – configurazione della scheda di rete

twitterlinkedin

Area di configurazione.

Il file da modificare si trova nella directory /etc/sysconfig/network-scripts .

Script di avvio/stop.
/etc/init.d/network start
/etc/init.d/network stop

Comandi di supporto.

lista schede PCI: lspci
hardware trovato in fase di startup: dmesg

Scheda di rete eth0.

nano /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-eth0

# Adanced Micro Devices [AMD] 79c970 [PCnet32 LANCE]
DEVICE=eth0
BOOTPROTO=static
ONBOOT=yes
HWADDR=00:15:5d:00:0a:12
IPADDR=192.168.0.11
GATEWAY=192.168.0.1
NETMASK=255.255.255.0
TYPE=Ethernet

Lanciare il servizio con grafica di testo
# setup
> configurazione della rete

>  edit dns configuration

> configurazione

> ad esempio:
nome host: srv.virtual.local
DNS primario: 8.8.8.8
DNS secondario: 8.8.4.4
Cerca: virtual.local

> modificare il file /etc/hosts, vedi immagine

Riavvio del servizio.

A fine configurazione riavviare il servizio lanciando il comando /etc/init.d/network restart.

Verifiche di funzionamento.

1. Verifica assegnazione interfaccia (ifconfig eth0)
2. Test di ping sull’ip assegnato (ping 192.168.0.11)
3. Test di ping verso il gateway (ping 192.168.0.1)
4. Test sul DNS (nslookup)
5. Verifica dell’hostname (hostname -f)

twitterlinkedin

Installazione CentOS 5.5 RAID 1 Mirror Software

twitterlinkedin

Versione utilizzata scaricabile da http://isoredirect.centos.org/centos/5/isos/i386/

Premere il tasto <Skip>

Installazione “click and go”


Creazione RAID 1 Mirror

Riavvio del sistema

Impostazioni finali


Distribuzione GRUB Loader

grub

grub> device (hd0) /dev/sda
grub> root (hd0,0)
grub> setup (hd0)
grub> device (hd1) /dev/sdb
grub> root (hd1,0)
grub> setup (hd1)

Monitor RAID1

Nel file /etc/rc.local aggiungere la seguente riga di monitor raid1

mdadm --monitor --scan --mail=user@example.com delay=120 /dev/md0 /dev/md1 &

NOTA.
Se desideri ricevere aiuto o consulenza invia una richiesta gratuita compilando la scheda contatti al seguente link http://www.andreabalboni.com/contatti/ .

twitterlinkedin

Windows 2008 Server KB 10 Agosto 2010 – reboot infinito

twitterlinkedin

Il 10 Agosto 2010 vengono rilasciati i seguenti 11 aggiornamenti dalla Microsoft:

KB890830, KB2183461, KB982664, KB982799, KB2079403, KB2160239, KB978886, KB980436, KB982214, KB981852, KB982779.

[ Problema ]

Il problema avuto dopo l’aggiornamento automatico delle patch qui sopra indicate e dal reboot del sistema windows 2008 server è quello di avere un reboot infinito (endless loop reboot). Nemmeno con l’avvio in safe mode il sistema è accessibile. L’unica possibilità è di ripristinare Windows 2008 Server attraverso l’utilizzo della recovery console e lanciare il ripristino totale del server dall’ultima copia bare metal – full.
Pare che la patch che mette in crisi il sistema sia il KB981852 ( vedi articolo in rete: articolo1 )

[ Soluzione ]

E’ comunque possibile installare questo pacchetto di patch svolgendo passo a passo gli aggiornamenti. E’ consigliato il backup bare metal di Windows 2008 server in caso di ripristino dovuto al problema segnalato.
Per installare correttamente le 11 patch fornite da Microsoft è sufficiente selezionare una ad una la patch, installare e riavviare.

twitterlinkedin