Windows Server – Autologon per procedure schedulate a utente attivo

twitterlinkedin

L’accesso a un sistema Microsoft Windows prevede l’inserimento dell’utente e della relativa password. Si presentano situazioni, soprattutto sui sistemi server, dove le procedure schedulate e/o automatiche richiedono un accesso utente attivo. Questa specifica esigenza riguarda sia sistemi fisici che sistemi virtuali.

Per rendere automatico l’accesso dopo il riavvio del server di un utente con la propria password possiamo agire sul registro di sistema (sconsigliato per la scrittura in chiaro della password) o con l’utilizzo di un’utility ad hoc (consigliato per la cifratura della password).

Per farlo è sufficiente aprire il registro di sistema (Start > Esegui > regedit), navigare fino al seguente percorso:

HKLM\Software\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\winlogon

e modificare le seguenti chiavi di registro:

AutoAdminLogon = “1”
DefaultUserName =
DefaultPassword = 1

DefaultPassword = Questo procedimento funziona, ma ha l’enorme difetto di costringere chi lo adotta a inserire la password in chiaro all’interno del registro: una falla di sicurezza non da poco, specialmente se stiamo parlando dell’utente Administrator.

Per risolvere questo problema è possibile utilizzare Autologon for Windows, un software gratuito sviluppato da Mark Russinovich e disponibile sul sito Sysinternals ( https://docs.microsoft.com/it-it/sysinternals/downloads/autologon ): il programma svolge una operazione del tutto analoga a quella descritta sopra, inserendo però la password in modalità criptata.

autologon-sysinternals-enable-autologin-windows

twitterlinkedin